Stampa

Palermo Porto Aperto Virtual Tour
online experience

Palermo significa tutto porto. Il nome della città racchiude la sua essenza più vera: la vocazione all’accoglienza e all’integrazione. Dal patrimonio arabo-normanno, passando dai variopinti mercati all’aperto, fino al valore sociale dell’arte di strada, un tour virtuale a Palermo, città che nel tempo cambia pelle, ma resta ancora oggi fedele al suo volto multietnico.

  • 2 ore
  • 11 -18 anni

Perché fare quest'esperienza

  • Dopo questo tour virtuale a Palermo abbiamo deciso che d’ora in poi partiamo ogni settimana, va bene? Facciamo come Novecento, il pianista sull’oceano, viaggiamo con la mente e conosciamo nuovi aspetti della città tramite Addiopizzo Travel che ci viene a trovare in classe attraverso l’online experience
  • Grazie mille, è stato molto coinvolgente e dinamico, i ragazzi sono rimasti entusiasti perché sono intervenuti e non hanno avuto un ruolo passivo
  • Un modo diverso di scoprire Palermo, dalla storia all’attualità, attraverso un taglio culturale e sociale

Un nuovo strumento didattico

In un momento in cui i viaggi d’istruzione sono impossibili, un nuovo strumento didattico che offra agli studenti la possibilità di viaggiare nel tempo, sfruttando le potenzialità della tecnologia. Un viaggio virtuale a Palermo, una online experience, della durata di due ore, programmabile in qualunque momento, condotto interamente da una guida turistica di Addiopizzo Travel.

Palermo città multietnica

Un tour virtuale a Palermo, città di approdo e di scambi commerciali ma anche terra di conquista. Nel corso dei secoli Palermo è stata crocevia di popoli diversi, ognuno dei quali ha lasciato il segno nei molteplici aspetti della cultura locale, persino nella lingua e nel dna dei suoi abitanti.

Durante il medioevo Palermo era un melting pot, felice esempio di convivenza di etnie diverse per credo, usi e costumi, che, ciononostante, dialogavano rendendo la città terreno fertile di scambio culturale.

Palermo oggi: la sfida dell'inclusione sociale 

Ancora oggi nel coloratissimo quartiere dell’Albergheria, dove si svolge ogni giorno il mercato di Ballarò, vive una società multietnica che incarna un modello virtuoso di integrazione. In quest’area della città si condensano numerose esperienze di mobilitazione dal basso che promuovono la diversità come valore.

Anche Addiopizzo accompagna i commercianti bengalesi alla denuncia dei loro estorsori ed elabora strategie di inclusione sociale per combattere la mafia.

Contattaci

Autorizzazione n° 54/S9-TUR del 04/05/2016