L'insegnamento: impegno e passione

Oggi, in questo primo giorno di scuola di questo impegnativo anno scolastico, vogliamo ricordarci di dire grazie alle persone coinvolte e fare loro un grosso in bocca al lupo.

Per il nostro lavoro ci relazioniamo quotidianamente con insegnanti di ogni ordine e grado.

Quasi mai però si trova il tempo di dire loro grazie. Perché, diciamolo francamente, il loro non è un lavoro come un altro. Nelle loro mani affidiamo il presente e il futuro della nostra famiglia e del nostro Paese.
 

E la fortuna che abbiamo noi è quella di relazionarci con persone a cui non interessa timbrare il cartellino, ma che vivono il loro mestiere come una missione. Lo vivono con passione, con impegno, lottano contro le assurdità e la mortificazione quotidiana della scuola da parte della politica. Nonostante la carenza di strumenti e infrastrutture, loro sono sempre in prima linea.


E non è un caso che ognuno di noi, diventato uomo o donna, abbia quasi sempre almeno un insegnante nel cuore, come punto di riferimento nella vita o nel lavoro.


Noi molto spesso incontriamo i docenti durante i viaggi d’istruzione, la finestra più bella per gli studenti nel percorso di studi, quella forse più impegnativa per i docenti, con tante responsabilità e nessuna gratificazione economica.


Oggi, in questo primo giorno di scuola di questo impegnativo anno scolastico, vogliamo ricordarci di dire loro grazie e fare loro un grosso in bocca al lupo.


Forza, ancora una volta abbiamo bisogno di tutto il vostro impegno e della vostra passione.