Palazzo Adriano

Delizioso paesino dell'entroterra siciliano, immerso in una natura rigogliosa, fu scelto dal regista Giuseppe Tornatore per il film "Nuovo Cinema Paradiso", premio Oscar nel 1990.

Duemila abitanti, 700 metri d’altezza. Il cuore del paese è la pittoresca piazza principale, dalla forma irregolare, attorniata da edifici in pietra viva e con al centro la fontana del Seicento. Poste l’una di fronte all’altra, due chiese imponenti si contendono la scena: la Chiesa della Madonna del Lume, di rito latino, e la Chiesa di Maria SS. Assunta, di rito greco-bizantino. Palazzo Adriano infatti, così come Piana degli Albanesi, è una colonia greco-albanese.

Questa piazza folgorò il regista Giuseppe Tornatore, che qui girò il suo capolavoro, Nuovo Cinema Paradiso, premio Oscar nel 1990. Durante i mesi di in cui furono effettuate le riprese, la piazza si trasformò in un gigantesco set cinematografico, e gli abitanti di Palazzo Adriano, alias “Giancaldo”, furono coralmente coinvolti nella lavorazione. Fu un momento magico e irripetibile che è rimasto scolpito nella memoria di giovani e anziani. 

Presso il piccolo Museo Comunale è stata allestita una sezione dedicata a Nuovo Cinema Paradiso. Vi sono esposti alcuni cimeli, dalle foto di scena originali alla bici di Alfredo/Philippe Noiret, al plastico che mostra come appariva la piazza del paese durante le riprese.

Palazzo Adriano si trova nel cuore della Valle del Sosio, a due passi dall'omonima riserva naturale, con il suo patrimonio boschivo, faunistico e geologico. Qui infatti risiedono i fossili più antichi e preziosi di Sicilia, sedimentatisi e stratificatisi sin dall’epoca del Permiano.

TRAVELTOUR Scopri Palazzo Adriano in questi tour:

  • In bici a Corleone!

    NoMafia Bike Tour

    Pedalando nel cuore della Sicilia. Fra Palermo e Corleone, nel territorio in cui la mafia è nata e ha proliferato, oggi soffia il vento del cambiamento. Un’intera generazione ha detto di no alla mafia e sta costruendo il nuovo volto della Sicilia. Vi invitiamo a scoprirlo in bicicletta: lentamente, alla velocità ideale per poterne assaporare la bellezza. Con l’impegno e l’entusiasmo di chi conquista la sua meta, tappa dopo tappa.
    • 6 giorni
    • minimo 2
    • su richiesta