Stampa

Sicilia 100% antimafia

Un viaggio alla scoperta di luoghi-simbolo dell’antimafia civile e della ribellione antiracket nell’area del palermitano, che offre l’occasione di approfondire i temi dell’impegno e della responsabilità collettiva, dell’educazione alla legalità e del riutilizzo sociale dei beni confiscati. La storia della mafia e del movimento antimafia prende forma dal racconto dei protagonisti, per rivivere le tappe di una lotta che tuttora si combatte e che si vuole vincere.

  • 5 giorni
    4 notti
  • minimo 20
  • 13 -17anni

HIGHLIGHTS

  • Incontra le persone impegnate in prima linea contro la mafia scoprendo le storie della strage di Portella, dell’impegno di Danilo Dolci al fianco degli ultimi, di Placido Rizzotto in difesa dei contadini
  • Soffermati sui luoghi delle stragi di Capaci e di Via d'Amelio, dove persero la vita i giudici Falcone e Borsellino e visita la casa in cui è vissuto Peppino Impastato
  • Scopri le azioni del Comitato Addiopizzo a Palermo e comprendi come la lotta alla mafia dipende anche dal tuo impegno
  • Esplora la vera Corleone, città del riscatto contro la mafia e modello positivo di riuso sociale dei beni confiscati
  • Scegli se visitare il Giardino della Memoria di San Giuseppe Jato, scenario del brutale assassinio del piccolo Giuseppe Di Matteo e oggi simbolo di riscatto, oppure se conoscere le molteplici chiavi di lettura del fenomeno mafioso proposte dal No Mafia Memorial
  • Ogni giorno un menù diverso: degusta le specialità della cucina siciliana
  • Puoi contare su un mediatore turistico/accompagnatore di Addiopizzo Travel che ti guiderà per tutta la durata del viaggio

programma

1° giorno

ARRIVO – CINISI - CAPACI

Si consiglia l’arrivo in mattinata.

Vi accogliamo in aeroporto/stazione di Palermo per la presentazione del tour. La prima tappa è Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato a Cinisi. La storia dell'attivista ucciso nel ’78 viene raccontata attraverso i materiali esposti nella casa-museo.

Pranzo libero non incluso.

Nel pomeriggio ci spostiamo a Capaci, sul luogo dell’attentato al giudice Giovanni Falcone. Attraverso le parole di un cittadino di Capaci, nonché testimone oculare, ripercorriamo gli anni dello stragismo mafioso.

Rientriamo a Palermo, in struttura ricettiva, dove facciamo il check-in, poi cena e pernottamento.

2° giorno

PALERMO NO MAFIA – SEDE ADDIOPIZZO

Dopo la colazione si va in centro città: walking tour alla scoperta dei luoghi-simbolo dell’antimafia civile (tra le tappe: mercato del Capo, piazza della Memoria, Cattedrale, Quattro Canti, piazza Pretoria). Il tour si conclude presso l’Antica Focacceria San Francesco, che dal 1834 cucina il tipico cibo ‘da strada’ palermitano. I proprietari hanno denunciato gli estorsori nel 2005, divenendo così il simbolo della ribellione antiracket.

Pranzo libero non incluso.

Dopo pranzo raggiungiamo la sede di Addiopizzo, bene confiscato alla mafia, per conoscere la storia dell’associazione attraverso la voce di uno dei suoi volontari. 

Infine, passeggiata nel quartiere arabo della Kalsa, dove sono cresciuti i giudici Falcone e Borsellino.

Dopo l’intensa giornata ritorniamo in struttura ricettiva, dove ceniamo e pernottiamo.

3° giorno

CORLEONE – PORTELLA DELLA GINESTRA

Prima colazione e si parte alla volta di Corleone: guidati dall’associazione Il Germoglio visitiamo la città. Excursus sulla storia del movimento contadino e approfondimento su personalità come Placido Rizzotto e Bernardino Verro, uccisi dalla mafia. Fra le tappe il Laboratorio della Legalità, sorto in un bene confiscato alla famiglia Provenzano, dove i quadri del pittore siciliano Gaetano Porcasi illustrano alcuni momenti salienti della storia della mafia e dell’antimafia.

Pranzo libero non incluso.

Nel pomeriggio ci spostiamo a Portella della Ginestra: visita al Memoriale e ricostruzione della strage avvenuta il 1° maggio del 1947.

A sera, rientriamo a Palermo in struttura ricettiva, dove ceniamo e pernottiamo.

4° giorno

TRAPPETO – MONTE PELLEGRINO - VIA D'AMELIO

Prima colazione e mattina dedicata all’approfondimento della figura di Danilo Dolci, educatore ed attivista triestino, promotore di una lotta politica nonviolenta in favore del miglioramento delle condizioni di vita di pescatori e contadini siciliani. Ci rechiamo a Trappeto, al porticciolo, luogo in cui ebbero inizio le proteste nonviolente. Poi al Borgo di Dio, centro delle attività di Danilo Dolci negli anni Cinquanta. Lì incontriamo Orazio De Guilmi, uno dei suoi collaboratori più stretti, o un rappresentante dell’Associazione Amici di Danilo Dolci, tuttora prosecutori dell’impegno e del metodo del militante.

Pranzo libero non incluso.

Nel pomeriggio, ritorno a Palermo e tour panoramico lungo la salita su Monte Pellegrino con sosta al santuario di Santa Rosalia e al Belvedere.

Infine è il momento di via D’Amelio: approfondimento sulla figura del giudice Paolo Borsellino e sulle circostanze della strage del 19 luglio del 1992.

Rientriamo in struttura ricettiva, per la meritata cena e per riposare.

5° giorno

PERCORSI DELLA MEMORIA A SCELTA - BOTTEGA DEI SAPORI E DEI SAPERI DELLA LEGALITÀ - PARTENZA

Prima colazione e check-out. La mattina potrà essere dedicata a una delle seguenti attività:

- ci spostiamo a San Giuseppe Jato, nel Giardino della Memoria per i Bambini Vittime di mafia: qui il ricordo della terribile vicenda del piccolo Giuseppe Di Matteo mostra il vero volto della mafia che agisce attraverso la violenza più spregiudicata. Oggi questo luogo è anche il coraggioso punto di partenza da parte della comunità locale per affrancarsi da un passato drammatico (il percorso potrà essere effettuato solo in condizioni meteo favorevoli e consta di un tragitto a piedi di circa 3 km fra andata e ritorno);

- ci rechiamo nel centro storico di Palermo per visitare il cantiere aperto di Palazzo Gulì, oggi sede del No Mafia Memorial, uno spazio polivalente che propone, attraverso mostre e laboratori, emozioni e chiavi interpretative sul fenomeno mafioso e sul movimento antimafia, connettendole alla storia della Sicilia e dell’Italia.

Pranzo libero non incluso.

Nel pomeriggio visitiamo la Bottega dei Sapori e dei Saperi della Legalità, gestita da Libera all’interno di un immobile confiscato alla mafia nel cuore della città. 

È il momento dei saluti: vi accompagniamo in aeroporto/stazione per la partenza, attendendo il vostro ritorno in Sicilia.

Si consiglia la partenza nel tardo pomeriggio.

Il programma è suscettibile di variazioni in considerazione di giorni e orari di chiusura di musei e ristoranti, nonché della disponibilità dei testimoni.

Mappa Autorizzazione n° 54/S9-TUR del 04/05/2016

Alloggi Pernottamenti inclusi in uno dei seguenti alloggi, o in uno di pari livello

Torreata Hotel & Residence

Albergo Palermo

Convento di Baida

Ostello della Gioventù Palermo

Mamamia

Ostello della Gioventù Palermo

Hotel Moderno

Albergo Palermo

San Paolo Palace

Albergo Palermo

In questo tour visiterai:

Durante questo tour potresti incontrare: