Stampa

Per le strade di Palermo

Tour antimafia + degustazione di street food x 1 persona

Scegli il tour più insolito della città: passeggia in centro storico con un local impegnato nel movimento antimafia. Concludi con un assaggio del tipico streetfood palermitano, all’Antica Focacceria San Francesco!

  • valido per 1
  • valido 12 mesi

È difficile raccontare Palermo senza far riferimento alla presenza della mafia. Gran parte della storia della città è legata a fatti criminali e in molti luoghi si trovano segni tangibili dei delitti e degli affari di Cosa Nostra.

Ma c’è molto di più: la storia sta cambiando, viene riscritta giorno dopo giorno da tutti gli uomini e le donne che dedicano il proprio impegno a combattere la criminalità.

Non solo le istituzioni, ma anche la società civile sta marginalizzando la mafia: i commercianti denunciano il pizzo, i cittadini scelgono di fare consumo critico a sostegno di chi si ribella, le associazioni sono sempre più presenti sul territorio e si occupano dei diritti essenziali nei quartieri più disagiati.

In questa passeggiata di tre ore, vogliamo raccontare questa storia di rinascita civile, spiegare cosa significa per noi essere nati e cresciuti in “terra di mafia”, chiarire i rapporti fra Cosa Nostra e il mondo delle imprese, la Chiesa o la politica.

Per concludere con una storia di ribellione e di denuncia: nel 2005, dopo anni in cui la città sembrava essersi rassegnata alle imposizioni mafiose, il proprietario dell’Antica Focacceria San Francesco fece arrestare con coraggio i propri estorsori.

L’ultima tappa vi dà quindi l’opportunità di provare il tipico streetfood palermitano, in cui la Focacceria eccelle da oltre 180 anni. Panelle, crocchè, arancine, panini con la milza delizieranno il palato con il gusto… GIUSTO!

HIGHLIGHTS

  • Partecipa a uno dei tour più insoliti e apprezzati a Palermo
  • Ascolta storie di mafia e antimafia dalla voce di una persona del luogo
  • Assaggia il tipico streetfood, proprio nella capitale del cibo da strada!
  • Conosci l’anima sociale della città, oltre preconcetti e clichè